Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-6.png

Gli appassionati di lampade vintage non possono non guardare alle lampade anni 70 come tesori da aggiungere alla loro collezione: volumi essenziali, linee curve, ad arco o ad ellisse prodotte in materiali freddi, metallici con tonalità vivaci ai limiti del fluo.

Scopriamo insieme quali sono le lampade che caratterizzano questi anni e quali di queste hanno fatto la storia per avere una collezione invidiabile.

Lampade anni 70

Sono soprattutto due le tipologie di lampade ed illuminazione che contraddistinguono gli anni 70: le lampade orientabili e le lampade alogene.

Lampade orientabili

Le lampade orientabili da tavolo degli anni 70, già apprezzate durante gli anni 50 e 60, si evolvono in termini di funzionalità e design, una tendenza che coinvolge non solo le lampade da tavolo ma anche le lampade a sospensione, così come le lampade da comodino.

Una delle lampade orientabili più importanti degli anni ’70 è la lampada da tavolo Tizio realizzata da Sapper per il marchio Artemide. La lampada Tizio, originariamente di colore nero, è interamente realizzata in alluminio con braccia basculanti per permettere un ottimo orientamento e con la testa che è completamente orientabile.

Una vera rivoluzione, non solo per la sua estrema funzionalità ma anche per l’assenza di fili a vista.

Lampade alogene

Anche le lampade alogene rappresentano una tendenza degli anni 70, si tratta di lampade appositamente pensate per alloggiare le lampadine alogene in modo da offrire eleganza e funzionalità allo stesso tempo.

Il primo modello di lampada alogena per interni è è la lampada Colombo 626, realizzata dal designer Joe Colombo nel 1970 per il marchio Oluce. Una lampada da terra formata da una base in acciaio verniciato e uno stelo sottile realizzato in acciaio cromato ultra lucido. Grazie al dimmer permette di regolare l’intensità della luce e grazie al riflettore in alluminio verniciato orientabile e regolabile in altezza permette di ottenere l’illuminazione desiderata.
Successivamente Joe Colombo realizza anche altre versioni della lampada ma a sospensione da soffitto o da parete.

Le più famose lampade anni 70

Abbiamo selezionato tra le lampade più famose degli anni 70 che hanno fatto la storia e che sono fonte d’ispirazione per gli appassionati e i collezionisti di lampade vintage.

Tizio: la lampada orientabile realizzata nel 1972 da Richard Sapper per Artemide. Caratterizzata da braccia e testa completamente orientabili, i suoi bracci grazie ad un gioco di contrappesi sono in costante equilibrio e consentono di avere flessibilità ed illuminazione ad ampio raggio.

Ipotenusa: lampada da tavolo progettata da Achille Castiglioni nel 1976 per Flos, caratterizzata da linee semplici e minimaliste, molto elegante, pur non trattandosi di una lampada orientabile il suo lungo stelo permette di raggiungere con la sua luce qualsiasi superficie.

Sonora 490: la lampada a sospensione di Vico Magistretti disegnata per O luce e formata da una grande cupola, estremamente leggera e sofisticata, sospesa in aria per una luce diffusa.

Parentesi: lampada orientabile realizzata da Achille Castiglioni nel 1970 per Flos con un cavo di acciaio che dal soffitto arriva al pavimento con una base di acciaio. Il faretto agganciato ad un tubo che scorre sul cavo può essere direzionato a piacimento per il desiderato tipo di illuminazione. La lampada Parentesi vinse nel 1979 il Compasso d’Oro ed è rimasta nella storia per la sua alta funzionalità e le sue forme pulite e minimali.

Snow: ideata da Vico Magistretti nel 1974 per Oluce con forme minimali ed essenziali, è una lampada a sospensione con luce diffusa e soffusa in tutto l’ambiente.

Frisbi: realizzata dal designer Achille Castiglioni nel 1978 per Flos con un diffusore opalino a forma di disco che emette un fascio di luce direttamente sul ripiano posizionato sotto alla lampada e luce diffusa in tutto l’ambiente.

Come collezionare le lampade anni 70

Se sei un appassionato di lampade vintage e degli anni 70, le aste online consentono di ampliare la tua collezione con pezzi rari, di valore, a volte unici. Uno dei portali che ci sentiamo di consigliare è Catawiki, il portale di aste online che permette di accedere alle aste in maniera del tutto gratuita tramite una semplice registrazione e ti offre la possibilità di visionare diversi lotti a settimana, oltre 50000 lotti a settimana.

Catawiki garantisce l’affidabilità dei lotti selezionati avvalendosi di esperti, mette infatti a disposizione oltre 150 esperti, che verificano l’idoneità e l’autenticità del lotto e ne stimano il relativo valore in modo da regolarti nelle scommesse e realizzare davvero un ottimo affare con transazioni sicure e veloci gestite da Catawiki stesso, tutto a vantaggio della sicurezza. Puoi cominciare a scommettere partendo da solo un euro, se ti aggiudichi l’asta, aspetta comodamente a casa: il venditore ti spedirà il lotto in soli 3 giorni lavorativi.

Il pubblico internazionale di Catawiki permette di agire su ampio raggio, inoltre se non sei interessato nell’acquisto puoi sempre cercare di vendere qualche pezzo a cui non sei affezionato e realizzare ottimi profitti da poter investire nella tua collezione.