katana giapponese originale

La katana, la spada giapponese per eccellenza, è un oggetto molto ambito tra i collezionisti. In Giappone, il prezzo di una katana originale varia in base alla qualità oltre che alla bellezza estetica, ma in generale richiede un investimento di diverse migliaia di euro.

Katane Giapponesi originali prezzo

In Giappone il prezzo di una katana originale parte da 500.000 per arrivare fino a 2.000.000 JPY (ovvero circa tra 4 mila e 16 mila euro). Inutile dire che il prezzo dipende dalla qualità; inoltre anche l’antichità influisce sul costo della spada.

Ad influire sul valore di una katana giapponese, ovviamente, lo stato di conservazione. Una spada di cinquanta anni fa, se ben conservata, difficilmente costerà meno di 5 mila euro. In generale, le più pregiate sono le Katane fatte a mano dei rinomati fabbri giapponesi. Esse prevedono una lunga lavorazione artigianale (occorrono almeno sei – otto mesi) per produrne una.

Il costo delle katane deriva in gran parte proprio dal tempo necessario a crearle, oltre che dalla qualità dei materiali utilizzati.

Riconoscere una Katana Giapponese originale

Un grosso problema sono le imitazioni della katana giapponese presenti sul mercato, con le conseguenti truffe. Ecco perché è sempre importante prestare attenzione ad alcuni indizi prima dell’acquisto, anche se ovviamente non è semplice avere la certezza.

Prima di tutto, l’arma dovrebbe essere completamente smontabile. La tipica decorazione ondulata non dovrebbe essere perfetta, a garanzia del fatto che si tratta di un prodotto artigianale e non industriale. Infine bisogna tenere presente che una katana autentica dovrebbe essere accompagnata da un documento scritto in giapponese, che ne elenchi le caratteristiche. Se questo documento è assente, è contraffatto o è in altre lingue, è probabile che si tratti di una truffa.

Katana: la spada dei samurai

La Katana Giapponese può avere una lunghezza che va dai 60 ai 70 centimetri. I componenti che realizzano la katana hanno delle terminologie specifiche, che si utilizzano per denominare i vari componenti:

  • Guardia. La parte metallica tra il manico e la lama, che serve a proteggere le mani.
  • Collare. Evita che il sangue coli sull’impugnatura.
  • Impugnatura. Solitamente di legno.
  • Mekugi. Piccolo piolo in legno che fissa la lama.
  • Fodero. In legno di magnolia laccato.
  • Lama

La costruzione della katana è un procedimento molto complesso e accurato che, come abbiamo detto in precedenza, influisce molto sul valore di acquisto di una katana. Questo processo viene tramandato da generazione in generazione e prevede un particolare procedimento.

  • Preparazione materiali per la fusione
  • Pulizia del blocco grezzo da forgiare
  • Forgiatura
  • Forgiatura finale
  • Tempra
  • Rifinitura

Un procedimento lungo, complesso e accurato che rende tutt’oggi queste spade da samurai di altissimo livello.

Parametri di valutazione di una katana

Già nei tempi antichi, assieme a quella delle armature da samurai la forgiatura delle spade era un’arte particolarmente difficile da apprendere e da praticare e anche i migliori spadai, in tutta la loro vita, non riuscivano a produrre più di 20-30 katane il che le rendeva estremamente costose.

Nel mondo moderno le katane giapponesi continuano a stupire per la loro straordinaria fattura ed estetica che, ancora oggi, ne fa dei capolavori ineguagliati della metallurgia e che le ha portate ad essere considerate delle vere e proprie opere d’arte alla pari di un quadro o di una scultura.

Sebbene al primo sguardo, le katane possono sembrare più o meno tutte uguali, la realtà è molto diversa.

Ci sono letteralmente una miriade di parametri e di caratteristiche che rendono ogni spada diversa dall’altra, dalle infinite sfumature che può assumere la trama dell’acciaio (hada) alle ombreggiature della linea di tempre (Utsuri) alle irregolarità di quest’ultima (Nie) alla forma particolare del Boshi (la forma che assume la linea di tempra in prossimità della punta) alla sezione della lama, alla curvatura, all’assottigliamento distale, alla forma del codolo (Kakago) e così via.

Tutti questi parametri vengono utilizzati dagli esperti per valutare una spada, datarla, attribuirla ad una data scuola o ad un dato maestro forgiatore e infine stimarne la fattura ed il valore economico.

Le migliori Katane della storia

Le migliori katane mai forgiate, a tutt’oggi, sono quelle del periodo antico e cioè le spade realizzate circa settecento anni fa. In seguito i segreti dei maestri forgiatori si sono persi e solo di recente ci si è sforzati di recuperarli, ma nonostante tutto, ancora oggi non si riesce a riprodurre lame di qualità paragonabile a quelle del mondo antico.

Le katane possono essere così suddivise in base al periodo:

  • Joko-To (645-980). Spade antichissime progenitrici della katana a lama dritta.
  • Koto (980-1600). Spade antiche, le lame migliori in assoluto, inizialmente erano Tachi, poi sostituiti progressivamente dall’Uchigatana, detta anche “Katana”.
  • Shinto (1600-1867). Spade nuove, prodotte in periodo di pace, corte, leggere, appariscenti e di minore qualità.
  • ShinShinto (1868-1912). Spade nuovissime, in questo periodo si tenta di riscoprire i segreti delle spade Koto per produrre nuovamente lame di qualità.
  • Gendaito (1912-oggi). Spade moderne, costruite nel primo 900 per i collezionisti e per i templi (relativamente poche in verità).
  • Gunto (seconda guerra mondiale). Spade prodotte industrialmente per gli ufficiali dell’esercito della seconda guerra mondiale.
  • Shinsakuto (oggi). Spade contemporanee prodotte oggigiorno, sono grandi e appariscenti, dal costo molto elevato.

Come conservare una Katana Giapponese

Subito dopo l’acquisto è consigliabile riporre la spada in un contenitore appropriato che la protegga da agenti che potrebbero comprometterne il valore nel tempo.

Se viene toccata la lama è necessario passarci sopra, entro breve tempo, un panno specifico per la lucidatura del metallo o applicarci sopra un buon olio trasparente (WD40 o olio per bambini). Gli acidi della pelle umana possono danneggiare la lama o lasciare un alone di ruggine. Ciò si rivela particolarmente vero soprattutto per le lame antiche e alcune di quelle più moderne (più è alta la percentuale di carbonio più ci sono probabilità che si formi la ruggine). Nel dubbio è opportuno strofinare la lama e lubrificarla.

Per una protezione a lungo termine delle altre parti della spada (in particolare quelle che non sono in metallo o in tessuto), si può utilizzare della cera microcristallina per la protezione del legno. Se però hai dei dubbi, chiedi prima ad un esperto. Una cera del genere può andare bene anche su certe parti metalliche, anche se per queste l’olio dovrebbe bastare.

Dove comprare o vendere Katane Giapponesi

Al giorno d’oggi ampliare la propria collezione o impreziosirla con pezzi rari e di pregio è più semplice che mai.

Che tu sia un appassionato di katane giapponesi o semplicemente di armi antiche, aggiungere il prossimo pezzo alla tua collezione è a portata di mouse grazie alle aste online. Migliaia di collezionisti alla ricerca ossessiva del pezzo mancante possono accedere a mercati fino a poco prima irraggiungibili ed arricchire facilmente la propria collezione con pezzi rari e di pregio. Internet e le aste online, hanno cambiato tutto, anche il modo in cui si fa collezionismo oggi: più facilmente, più velocemente e magari anche con qualche possibilità di risparmiare o monetizzare con facilità una collezione che si vuole alienare.

Una piattaforma di aste online seria ed affidabile che consigliamo è Catawiki.

Se non lo conosci già, ti consigliamo di fare un giro su Catawiki. Catawiki è un sito d’aste che vanta oltre 14 milioni di visitatori al mese provenienti da tutto il mondo. Un sito che punta a mettere in contatto domande e offerta sul fronte del collezionismo e delle passioni, facendo da intermediario indipendente e soprattutto garante della buona riuscita della transazione e dell’originalità del pezzo venduto.

La straordinaria caratteristica di Catawiki, suo punto di forza, è la presenza di un team di oltre 150 esperti nel settore che, grazie alla pluri-decennale esperienza, è in grado di offrire ad acquirenti e venditori un’esperienza unica nel suo genere in tutta sicurezza, con la massima affidabilità e serietà. Gli esperti valutano con attenzione ogni oggetto destinato alle aste. L’alta qualità è il primo requisito degli oggetti in vendita su Catawiki, una incredibile garanzia per i collezionisti.

Catawiki conta più di 80 categorie di oggetti, più di 50.000 lotti ogni settimana.

Le aste sono aperte a tutti e sono supervisionate da banditori specialisti. I vincitori pagano ciò che offrono tramite un servizio di pagamento sicuro e successivamente ricevono l’oggetto dal venditore.

Partecipare alle aste online di Catawiki è molto facile, totalmente gratuito e senza impegno, basta registrarsi compilando un semplice form.

Tra i tanti vantaggi, Catawiki offre anche un sistema di pagamento unico che rende l’acquisto e la vendita sicura.

Una volta che il pagamento dell’acquirente è stato inviato, chiedono al venditore di spedire il lotto entro i successivi 3 giorni lavorativi. Dal momento in cui il lotto viene spedito, il pagamento dell’acquirente viene trattenuto per circa 3 giorni, dando al compratore il tempo di ricevere il lotto e segnalare eventuali problemi al team di assistenza clienti.

Per i veri appassionati, dunque, Catawiki è il posto perfetto per acquistare e vendere oggetti davvero speciali, che non si trovano ovunque, senza pensieri ed in tutta sicurezza.

Solo articoli di qualità, esperti del settore che certificano ogni prodotto e massima sicurezza. Che tu sia venditore o acquirente, non avrai nessun tipo di problema o commissione da fare; Catawiki farà tutto per te. Ci sono tanti motivi per comprare e vendere sulle aste online di Catawiki. Iscriviti ora!